Codice etico

1.    INTRODUZIONE
Il presente documento definisce i valori ed i principi di condotta rilevanti per Last Technology s.r.l., ai fini del buon funzionamento, dell'affidabilità, del rispetto di leggi e regolamenti nonché della reputazione di Last Technology.
Il Codice è concepito per guidarci sia nel lavoro quotidiano sia nella pianificazione strategica e nei processi decisionali.
Esso contiene l'insieme dei diritti, dei doveri e delle responsabilità di Last nei confronti delle parti interessate interne ed esterne all’Azienda (dipendenti, collaboratori, fornitori, clienti, Pubblica Amministrazione, ecc.), al di là e indipendentemente da quanto previsto a livello normativo.
Il presente documento è stato approvato dagli organi dirigenti della società, che si impegna a garantirne la massima diffusione.

1.1    AMBITO DI APPLICAZIONE DEL CODICE E DESTINATARI
I principi e le disposizioni del presente Codice Etico (di seguito il “Codice”) costituiscono specificazioni esemplificative degli obblighi generali di diligenza, correttezza e lealtà, che qualificano l’adempimento delle prestazioni lavorative ed il comportamento nell’ambiente di lavoro.
Il Codice recepisce e fa propri i “Principi Aziendali” Last che definiscono i valori aziendali fondamentali che la Società ha adottato.
I principi e le disposizioni del Codice sono vincolanti per gli amministratori di Last (“Amministratori”), per tutte le persone legate da rapporti di lavoro subordinato con Last e per tutti coloro che operano per Last, quale che sia il rapporto, anche temporaneo, che li lega alla stessa (“Collaboratori”).
Il Codice sarà portato a conoscenza dei Destinatari e dei terzi che ricevano incarichi da Last o che abbiano con essa rapporti stabili o temporanei.

2.    PRINCIPI GENERALI

2.1    CORRETTEZZA E TRASPARENZA DELLE INFORMAZIONI SOCIETARIE
Ogni operazione e/o transazione, intesa nel senso più ampio del termine, deve essere legittima, autorizzata, coerente, congrua, documentata, registrata e in ogni tempo verificabile. Tutti coloro che effettuano le suddette operazioni devono garantire la rintracciabilità delle motivazioni che ne hanno consentito l’esecuzione, l’evidenza delle eventuali autorizzazioni e delle modalità di esecuzione dell’operazione medesima. Ciò significa che ciascuna azione ed operazione deve avere una registrazione adeguata nel sistema di contabilità, secondo i criteri indicati dalla legge e i principi contabili applicabili.
I Destinatari e i soggetti che effettuano acquisti di beni e/o servizi, incluse anche le consulenze esterne, per conto della Società, devono agire nel rispetto dei principi di correttezza, economicità, qualità e liceità e operare con la diligenza del buon padre di famiglia.

2.2    RISERVATEZZA E TRATTAMENTO DELLE INFORMAZIONI
La Società assicura la riservatezza dei dati personali di cui è in possesso utilizzandoli in conformità alle norme giuridiche vigenti.
I Collaboratori di Last sono tenuti a non utilizzare informazioni riservate per scopi non connessi con l’esercizio della propria attività.

2.3    CONFLITTO D’INTERESSE
Nella conduzione di qualsiasi attività, da parte dei dipendenti, e, in genere, di tutti coloro che operano in nome e per conto di Last, devono essere evitate situazioni in cui si possa manifestare un conflitto di interessi che possa influenzare l’imparzialità e l’eticità del comportamento dei soggetti di cui sopra.
I soggetti che si trovino in una situazione di conflitto d’interessi, anche solo potenziale, devono darne immediata notizia proprio Responsabile di Funzione che valuteranno il comportamento da adottare.

2.4    TRASPARENZA E COMPLETEZZA DELL’INFORMAZIONE
I Collaboratori di Last sono tenuti a dare informazioni complete, trasparenti, comprensibili ed accurate, atte a consentire all’insieme delle parti interessate di prendere, nello sviluppo dei rapporti che vengono instaurati, decisioni autonome e consapevoli degli interessi coinvolti, delle alternative e delle conseguenze rilevanti.
In particolare, nella formulazione di qualunque forma di accordo, Last avrà cura di specificare al contraente, in modo chiaro e comprensibile, i comportamenti da tenere nello svolgimento del rapporto instaurato.

2.5    CONCORRENZA
La Società riconosce che una concorrenza corretta e leale è un elemento fondamentale per lo sviluppo dell’attività di impresa. Per questo, la Società rispetta le regole di lealtà della concorrenza e in nessun caso pone in essere atti o comportamenti contrari a una concorrenza libera e leale.

2.6    TUTELA E VALORE DELLE RISORSE UMANE
Last tutela e promuove il valore e lo sviluppo delle risorse umane, in quanto importante fattore di successo per la società, allo scopo di massimizzarne il grado di soddisfazione ed accrescerne il patrimonio di competenze possedute.
Nella gestione dei rapporti che implicano l’instaurarsi di relazioni gerarchiche, Last richiede che l’autorità sia esercitata con equità e correttezza, vietando ogni comportamento che possa essere ritenuto lesivo della dignità ed autonomia del dipendente.
Al fine di garantire il pieno rispetto della persona, la Società si impegna al rispetto degli obblighi di legge in tema di tutela del lavoro, delle condizioni igienico-sanitarie e di sicurezza, diritti sindacali o comunque di associazione e rappresentanza richiesti dalla normativa del paese in cui essi operano.

2.7    OMAGGI, REGALIE E BENEFICI
Non è consentito ai Destinatari (né direttamente, né tramite terzi) offrire o ricevere a/da chiunque alcuna regalia che possa anche solo essere interpretata come eccedente le normali pratiche commerciali o di cortesia, ovvero essere intesa come rivolta ad acquisire trattamenti di favore nella conduzione di qualsiasi attività collegabile alla società.
In particolare, è vietata qualsiasi forma di regalia nei confronti di Funzionari Pubblici - siano questi italiani od esteri - ovvero a loro familiari e congiunti.
Nei Paesi in cui è costume offrire regali a clienti od altri soggetti in segno di cortesia, tali donativi devono essere di natura e valore appropriato, non contrastare con le disposizioni di Legge e Regolamento ivi temporaneamente vigente e non essere in alcun caso interpretabili come contropartita nella richiesta di favori e/o agevolazioni.
Qualora un Destinatario riceva offerte e/o richieste di regali o benefici - salvo omaggi di uso commerciale o di modico valore – è tenuto ad informarne immediatamente il proprio superiore gerarchico.

2.8    RISPETTO E TUTELA DELL’AMBIENTE
Nell’ambito della propria attività, Last si ispira al principio di salvaguardia dell’ambiente e persegue l’obiettivo di tutelare la sicurezza e la salute dei Destinatari. Le attività della società devono essere gestite nel pieno rispetto della normativa vigente in materia di prevenzione e protezione.
La ricerca e l’innovazione tecnologica devono essere dedicate in particolare alla realizzazione e promozione di prodotti e processi sempre più compatibili con l’ambiente e caratterizzati da una sempre maggiore attenzione alla sicurezza ed alla salute dei Destinatari.

2.9    SICUREZZA SUL LAVORO
Last promuove la cultura della salute e sicurezza sul luogo di lavoro, confermando il massimo impegno nel garantire tale cultura nella propria struttura. La Società è impegnata a realizzare e mantenere ambienti e postazioni di lavoro sicuri per ogni dipendente.
Nel rigoroso rispetto della normativa antinfortunistica vigente, sia nazionale che comunitaria, Last opera per prevenire gli infortuni e le malattie professionali, adottando sistemi per la gestione della sicurezza focalizzati sulla prevenzione, mirando ad introdurre ad ogni livello aziendale una forte cultura della sicurezza sul lavoro. La Società fornisce ai propri dipendenti – a tutti i livelli e inquadramenti – formazione, informazioni generali e specifiche ed ogni altro supporto che consenta di lavorare in condizioni di salute e sicurezza.
Last fa si che vengano eseguite le valutazioni dei rischi e che si adottino adeguate misure correttive per evitare rischi per la salute, la sicurezza umana e per le stesse attività aziendali.

2.10    QUALITA’
La Società colloca in posizione centrale l’obiettivo della soddisfazione e della tutela dei propri clienti. Elevati standards qualitativi e sguardo al futuro sulle innovazioni tecnologiche caratterizzano la politica aziendale.
L’ottenimento del certificato ISO9001 certifica l’attenzione alla qualità posta dalla società.

2.11    SICUREZZA DEI PRODOTTI
La Società garantisce la sicurezza dei prodotti che immette in commercio: per fare questo, la Società assicura la scrupolosa osservanza di tutte le norme legali, regolamentari e tecniche di volta in volta applicabili e pone in essere adeguate procedure di controllo. Inoltre, la Società pone particolare cura nell’assicurare la sicurezza dell’utente finale e a questo fine osserva in modo scrupoloso tutte le norme legali, regolamentari e tecniche specificamente destinate alla loro protezione.

3.    CRITERI DI CONDOTTA NELLE REALZIONI CON I COLLABORATORI

3.1    SELEZIONE DEL PERSONALE
La valutazione del personale da assumere è effettuata in base alla corrispondenza dei profili dei candidati con quelli attesi e con le esigenze aziendali, nel rispetto delle pari opportunità per tutti i soggetti interessati. Le informazioni richieste sono strettamente collegate alla verifica degli aspetti previsti dal profilo professionale e psicoattitudinale, nel rispetto della sfera privata e delle opinioni del candidato. La Funzione Personale, nei limiti delle informazioni disponibili, adotta opportune misure per evitare favoritismi, nepotismi, o forme di clientelismo nelle fasi di selezione e assunzione.

3.2    COSTITUZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO
Il personale è assunto con regolare contratto di lavoro. Alla costituzione del rapporto di lavoro ogni dipendente deve ricevere accurate informazioni relative a:
•    caratteristiche della funzione di appartenenza, responsabilità del proprio ruolo e mansioni da svolgere;
•    elementi normativi e retributivi, come regolati dal contratto collettivo nazionale di lavoro;
•    norme e procedure da adottare al fine di evitare comportamenti contrari a norme di legge e politiche aziendali.
Tali informazioni sono presentate al dipendente in modo che l’accettazione dell'incarico sia basata su un’effettiva comprensione.

3.3    GESTIONE DEL DIPENDENTE
Ogni Responsabile di Funzione è tenuto a valorizzare il tempo di lavoro dei dipendenti richiedendo prestazioni coerenti con l’esercizio delle loro mansioni e con i piani di organizzazione del lavoro.
Costituisce abuso della posizione di autorità richiedere, come atto dovuto al superiore gerarchico, prestazioni, favori personali o qualunque comportamento che configuri una violazione del presente Codice.
È assicurato il coinvolgimento dei dipendenti nello svolgimento del lavoro, anche prevedendo momenti di partecipazione a discussioni e decisioni funzionali alla realizzazione degli obiettivi aziendali. Il dipendente deve partecipare a tali momenti con spirito di collaborazione e indipendenza di giudizio.

3.4    VALORIZZAZIONE E FORMAZIONE DELLE RISORSE
Ogni Responsabile di Funzione deve utilizzare e valorizzare pienamente tutte le professionalità presenti nella struttura mediante l’attivazione delle leve disponibili per favorire lo sviluppo e la crescita dei propri dipendenti.
Last mette a disposizione di tutti i dipendenti strumenti informativi e formativi con l’obiettivo di valorizzare le specifiche competenze ed implementare il valore professionale del personale.
Viene svolta una formazione istituzionale, erogata in determinati momenti della vita aziendale del dipendente (ad esempio, per i neoassunti, formazione relativa alla sicurezza sul lavoro, alla relativa prevenzione dei rischi, introduzione all’azienda e al suo business) e una formazione ricorrente rivolta al personale operativo.

3.5    TUTELA DELLA PRIVACY
La privacy del collaboratore è tutelata adottando standard che specificano le informazioni che l’impresa richiede al collaboratore e le relative modalità di trattamento e conservazione.
È esclusa qualsiasi indagine sulle idee, le preferenze, i gusti personali e, in generale, la vita privata dei collaboratori. Tali standard prevedono inoltre il divieto, fatte salve le ipotesi previste dalla legge, di comunicare/diffondere i dati personali senza previo consenso dell’interessato e stabiliscono le regole per il controllo, da parte di ciascun collaboratore, delle norme a protezione della privacy.

3.6    DOVERI DEI COLLABORATORI
•    Assumere e mantenere comportamenti di elevata professionalità nei confronti della società, al preciso fine di creare valore per la società stessa;
•    utilizzare razionalmente i mezzi messi a disposizione dalla società a fini lavorativi e non personali;
•    utilizzare i mezzi a disposizione rispettandone la destinazione d’uso, curandone il buon funzionamento e la manutenzione ordinaria, evitando danneggiamenti;
•    evitare consumi e sprechi di materiali e consumables;
•    ispirarsi, nell’esercizio dell’attività lavorativa, a principi di trasparenza, correttezza, onestà e professionalità sia all’interno che all’esterno della società;
•    assumere con responsabilità il proprio ruolo e rispettare le direttive impartite dai Responsabili in modo pronto, leale e fedele;
•    mantenere con i colleghi un rapporto fondato sui principi di civile convivenza, leale cooperazione e fattiva collaborazione
•    rispettare con coscienziosità, diligenza, professionalità, le normative in materia di sicurezza sul lavoro;
•    conoscere e attuare quanto previsto dalle politiche aziendali in tema di sicurezza delle informazioni per garantirne l’integrità, la riservatezza e la disponibilità;
Last si riserva il diritto di impedire utilizzi distorti dei propri beni e infrastrutture attraverso l’impiego di sistemi contabili, di reporting, di controllo finanziario e di analisi e prevenzione dei rischi, fermo restando il rispetto di quanto previsto dalle leggi vigenti (legge sulla privacy, statuto dei lavoratori ecc.).
Per quanto riguarda le applicazioni informatiche, ogni collaboratore è tenuto a:
•    adottare scrupolosamente quanto previsto dalle politiche di sicurezza aziendali, al fine di non compromettere la funzionalità e la protezione dei sistemi informatici;
•    non inviare messaggi di posta elettronica minatori e ingiuriosi, non ricorrere a linguaggio di basso livello, non esprimere commenti inappropriati che possano recare offesa alla persona e/o danno all’immagine aziendale;
•    non navigare su siti internet con contenuti indecorosi e offensivi.

4.    CRITERI DI CONTATTA NELLE RELAZIONI ESTERNE

4.1    RELAZIONI CON I CLIENTI
Le relazioni con i clienti devono essere improntate alla correttezza, cortesia e disponibilità.
La Società si impegna a fornire, con efficienza e cortesia, nei limiti delle previsioni contrattuali, prodotti di alta qualità che soddisfino o superino le ragionevoli aspettative del cliente. Si impegna inoltre a fornire accurate ed esaurienti informazioni circa i prodotti e servizi in modo che il cliente possa assumere decisioni consapevoli.
Tutte le attività di relazione contrattuale con i clienti devono essere documentate e rintracciabili.
La soddisfazione dei clienti è una risorsa primaria. Per questo la Società mette in atto misure e procedure per verificare e valutare che i clienti siano soddisfatti dei prodotti e servizi offerti, così da migliorare continuamente il livello della propria offerta commerciale e da poter rimediare in modo rapido ed efficace ai casi di possibile insoddisfazione.

4.2    RELAZIONI CON I FORNITORI
La Società riconosce il ruolo di primaria importanza rivestito dai fornitori per lo sviluppo della società.
La Società, nella scelta dei propri fornitori, deve sempre seguire criteri oggettivi, documentabili, rintracciabili e adottare comportamenti orientati al massimo vantaggio competitivo per la società, assicurando e garantendo al tempo stesso a tutti i fornitori lealtà, imparzialità e pari opportunità di collaborazione.
Last seleziona i fornitori tenendo conto di qualità, costo, puntualità e servizio offerti e assicura che il proprio personale selezioni i fornitori nel rispetto delle procedure interne atte ad assicurare la scelta del fornitore che offra le migliori prestazioni sulla base delle caratteristiche indicate al presente articolo. Tali procedure servono a
garantire l’instaurazione di rapporti stabili e duraturi connotati da trasparenza e correttezza.

4.3    RELAZIONI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E LE ISTITUZIONI
Nei rapporti con la Pubblica Amministrazione e le istituzioni, siano queste nazionali od estere, i Destinatari devono agire nel rispetto delle Leggi e dei Regolamenti vigenti, ovvero secondo correttezza e lealtà, senza influenzare impropriamente e in alcun modo le decisioni della controparte al fine di ottenere un trattamento di favore.
In nessun caso i Destinatari del Codice devono promettere o versare danaro od altri beni o concedere altre utilità a pubblici funzionari con la finalità di promuovere o favorire interessi della società, neppure a seguito di illecite pressioni. Il presente articolo si applica anche nel caso in cui il danaro o altra utilità venga promesso o concesso al fine di indurre il pubblico funzionario a compiere un atto conforme ai doveri del suo ufficio.

5.    MODALITA’ DI ATTUAZIONE
L’osservanza delle norme del Codice è parte essenziale delle obbligazioni contrattuali dei dipendenti ai sensi e per gli effetti di cui agli articoli 2104, 2105 e 2106 del Codice Civile.
Nei contratti di collaborazione è incluso l’obbligo dell’osservanza del presente Codice etico.
La violazione delle disposizioni del Codice da parte del personale della società potrà costituire inadempimento delle obbligazioni primarie del rapporto di lavoro subordinato o di collaborazione, o illecito disciplinare, nel rispetto delle procedure stabilite dall’articolo 7 dello statuto dei lavoratori (ove e in quanto applicabile), con ogni conseguenza di legge, anche in ordine alla conservazione del rapporto di lavoro subordinato o di collaborazione, e potrà essere, altresì, causa di richieste di risarcimento del danno.

5.1    CONOSCENZA E COMPRENSIONE DEL CODICE ETICO
Il Codice viene portato a conoscenza delle parti interessate interne ed esterne alla società per mezzo di apposite attività di comunicazione e diffusione per mezzo delle rete intranet e internet. Il Codice viene distribuito a tutti i dipendenti in fase di assunzione ed a tutti i soggetti terzi che entrano in rapporto di affari con Last.
Internamente alla società, l'adeguata conoscenza e comprensione del Codice da parte di tutto il personale viene assicurata attraverso programmi di informazione e formazione.

5.2    ORGANI RESPONSABILI
Il Responsabile della funzione Risorse Umane della società provvede alla divulgazione del Codice e dei principi in esso contenuti mediante inserimento dello stesso sulla rete intranet aziendale e sul sito internet istituzionale e mediante consegna di copia cartacea del Codice a ogni nuovo assunto.
La divulgazione del Codice deve essere adeguatamente garantita anche nelle relazioni esterne intrattenute dalla società.
Il Responsabile della funzione Risorse Umane della società ha titolo di effettuare verifiche sul rispetto delle disposizioni del Codice all’interno della società ed è responsabile della verifica della veridicità delle violazioni segnalate dai Destinatari del Codice. È nella responsabilità di ciascun dipendente consultare il proprio responsabile diretto per qualsiasi chiarimento relativo all’interpretazione o all’applicazione delle regole di comportamento contenute nel Codice.
È un diritto di tutti i Destinatari suggerire eventuali esigenze di revisione del Codice.

Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 9 Novembre 2015.

© 2020 LAST Technology Srl - P.iva 01747780938